IL PAESE DI CALVISANO
Tra storia e tradizione
Calvisano è un comune di quasi 9mila abitanti della provincia di Brescia.
Si trova nella bassa bresciana orientale, vicino al fiume Chiese, a 46 chilometri da Mantova e altrettanti da Cremona. Il territorio, un tempo paludoso ma poi bonificato, è caratterizzato dalla presenza di numerose risorgive.


La storia

Prima dell’Anno mille al posto dell’attuale borgo esistevano tre insediamenti importanti. Dopo la fine del regno dei Franchi, per difendersi dalle continue invasioni degli Ungari, nel secolo X la popolazione costruì un “castrum”, circondato da una fossa con le acque del Saugo, munito di mura con due poderose porte tuttora esistenti, una a nord e l’altra a sud. Su di questa nel 1700, fu innalzata l’attuale torre civica, che domina l’ingresso del centro storico. Il circuito di strade intorno al paese segue il tracciato esterno della cinta muraria. Nel centro storico il tessuto urbanistico, con le sue vecchie case, i portici, le viuzze e le piazzette, presenta un aspetto molto particolare e suggestivo.

Nonostante gli insediamenti industriali sorti a partire dai primi anni sessanta, Calvisano rimane un paese completamente immerso nella natura.

Chi ama trascorrere il tempo nel verde, a Calvisano ha solo l’imbarazzo della scelta. Per gli appassionati di mountain bike, molto interessanti sono poi gli argini del fiume Chiese, che si snodano lungo le anse a partire dalla frazione Mezzane. Durante l’estate è aperta la piscina comunale.


Lo stadio del Rugby Calvisano
UN VIAGGIO NEI SAPORI E NELLA TRADIZIONE

Un viaggio a Calvisano consente d’apprezzare tutti i piatti tipici della bassa bresciana. Il paese ha un’intensa produzione zootecnica e quindi vengono cucinati nei ristoranti carni di mucca, maiale e pollo.
Si possono però trovare anche pesci di fiume e di lago e, come in tutt’Italia, di mare. In particolare, viene prodotto il caviale, esportato in tutto il mondo.
Kawasaki Robots main sponsor